Sagra della Castagna, Ranchio

A 333 metri sul livello del mare, arrampicata su uno sperone roccioso di pietra arenaria posto al centro della valle del torrente Borello, Ranchio, piccolo centro del Comune di Sarsina, prepara gli ultimi dettagli della tradizionale Sagra della Castagna, che come ogni anno si terrà la seconda domenica di ottobre.

Domenica 8 ottobre si festeggia, infatti, in occasione della Sagra della Castagna di Ranchio, l’alimento principale nell’alimentazione delle genti di montagna del medioevo, quando la castagna era tanto importante in tante economie locali da rappresentare addirittura merce di scambio o vera e propria moneta, e in periodo di guerre e carestie finiva col sostituire i cereali.
La si poteva macinare in casa, senza dover pagare alcuna tassa sul macinato, la farina si trasformava in pane, pasta e dolcetti, col frutto si preparavano minestre, zuppe e secondi, mentre gli scarti finivano in pasto agli animali da cortile.

Tante le specialità a base di castagna che la Pro Loco di Ranchio per l’occasione riporterà nei nostri piatti, insieme a tartufi, funghi, salumi, ciccioli, formaggi,  miele e tante altre prelibatezze.
Tanto buon cibo dunque, accompagnato da mercato, mostra mercato di prodotti tipici di stagione, mostra mercato dell’artigianato locale del mobile in legno massiccio e ferro battuto, concorso fotgrafico, concorso di pittura estemporanea e naturalmente danze e tanta buona musica dal vivo.

Per info: www.prolocoranchio.it

Scrivi un commento...

*

*